CENSURATO PER ALTRI 30 GIORNI SU FB PASSO A TWITTER

IMG_20160903_212223

di Leo Lyon Zagami

Eccoci qua ancora una volta il novello Papa Boy Mark Elliot Zuckerberg di ritorno dalla sua visita in Vaticano mi ha censurato per ben 30 giorni per aver semplicemente postato un banner del mio nuovo libro Papa Francesco: L’ultimo Papa? su Harmakis Edizioni con il commento “Censuratevi sta ceppa frocioni e Papa Boys”.

ita set 2016:promo

E la risposta di Facebook è stata immediata: Lei ha violato i termini e le condizioni della comunità ecc, ecc. e vengo bloccato  per ben 30 giorni. Praticamente non posso più partecipare a Facebook per un intero mese, il che significa non poter neanche rispondere alla centinaia di email che ricevo giornalmente una vera sfortuna. Fortunatamente non ho mai usato WhatsApp ma mi domando se un domani Facebook censurerà ida “Grande Fratello orwelliano” anche questa opzione visto la crescente l’integrazione delle due piattaforme entrambe di proprietà del solito ebreo sionista Zuckerberg.

Una volta c’era l’inquisizione ora c’è Facebook regno incontrastato della Bestia 666 e dei bimbo minkia con il Papa gesuita che li controlla tutti dall’alto della sua supposta “Santità”. Ovviamente i metodi sono differenti ma il risultato è sempre lo stesso, ovvero silenziare il dissenso tra gli oppositori di Papa Francesco e il suo Nuovo Ordine Mondiale. Per oltre 500 anni la chiesa cattolica ha imposto la propria supremazia spirituale con la violenza, eliminando fisicamente ogni oppositore dalle zone sotto la sua influenza politica, ora ovviamente ha trovato metodi meno drastici che possano essere tollerati anche dai  soliti buonisti e dagli ipocriti che vanno a braccetto con il mondialismo Gesuita. Forse qualcuno dimentica che migliaia di profili del celebre social inneggiano alla Jihad e all’Islam fondamentalista senza essere bloccati o segnalati dal alcun utente ma Leo Lyon Zagami è diverso lui deve essere censurato e a volte purtroppo anche torturato.

inquisition-wheel

Per questo motivo ho deciso di passare a Twitter miei cari lettori: https://twitter.com/leoyoung1999

Sintonizzatevi cercherò nonostante tutto questo di essere presente nel mondo sempre meno libero dei social.

Viva la libertà di espressione a morte la censura vaticana e sionista!

Ad maiora.

 

 

FACEBOOK MI CENSURA SU PAPA FRANCESCO: 7 GIORNI DI PENITENZA

di Leo Lyon Zagami

 

Cari amici quest’oggi la censura di Facebook si è davvero superata e resa ridicola dimostrando di essere più filo-papalina e gesuita di Radio Maria. Torno a casa accendo il computer  e mi trovo il messaggio sottostante di censura a un mio commento/sfottò su un articolo di Dagospia. Articolo che tra l’altro risulta anch’esso “stranamente” non più reperibile e riguardava nello specifico consigli davvero esilaranti di Papa Francesco e di mons. Vincenzo Paglia sull’autoerotismo, e l’avviso di imitare Batman e Superman, insomma una “Pagliacciata” nel vero senso della parola.

IMG_20160826_132533

Anche perché Paglia è diventato presidente del Pontificio consiglio per la famiglia nonostante lo scandalo sul Castello di Narni, quando l’alto prelato fu raggiunto dall’avviso di chiusura indagini per dei soldi della sua diocesi usati in maniera maldestra per un un operazione immobiliare. Fattaccio che lo portò a ricevere accuse che andavano dall’associazione a delinquere alla truffa:

 http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/05/27/castello-di-narni-monsignor-paglia-indagato-per-associazione-a-delinquere/1723407/

Ma si sà a Narni vanno di moda le favole incluse quelle di Monsignor Paglia e non mi sembra che gli interessati abbiano di che preoccuparsi. Poi nel commento in questione ho citato anche l’imminente uscita del mio nuovo libro, ovvero l’edizione italiana di Papa Francesco: L’ultimo Papa?, che uscirà per la Harmakis Edizioni a fine Settembre 2016,  che di sicuro contiene affermazioni molto più pepate contro la Santa Sede ma fortunatamente non potrà essere censurato essendo un cartaceo; e come dicevano i latini Verba volant, scripta manent.

Comunque ritorniamo a Mark Zuckerberg il mio censore per conto del Vaticano, figura controversa che ricordiamo si è posizionato primo nella classifica degli “Ebrei più influenti del mondo” redatta dal Jerusalem Post, che dopo aver recentemente espresso il suo cordoglio per le vittime del terremoto ha annunciato al mondo il suo imminente arrivo in Italia lunedì prossimo.

Ecco che il “buon” Zuckerberg forse per per prepararsi meglio a una sua possibile visita in Vaticano da Papa Francesco, che pare lo riceverà in maniera riservata durante il suo mini tour italiano,  ha sguinzagliato contro la propaganda avversa, i suoi Papa Boys di Facebook,  che hanno prontamente censurato il sottoscritto per un commento che sinceramente era poco più di uno scherzo,  ma che mi costerà come vedete dallo screenshot sottostante ben 7 giorni di censura totale da FB che include anche il non poter rispondere ai messaggi scritti in privato.

IMG_20160826_132429

E allora mea culpa e penitenza modello Facebook per Leo Zagami che da buon Templare reciterà nel frattempo il Confiteor che è la preghiera penitenziale del rito romano:

Confiteor Deo Omnipotenti, beatae Mariae semper Virgini, beato Michaeli Archangelo, beato Ioanni Baptistae, sanctis Apostolis Petro et Paulo, omnibus Sanctis et vobis, fratres, quia peccavi nimis cogitatione, verbo et opere, mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa.
Ideo precor beatam Mariam semper Virginem, beatum Michaelem Archangelum, beatum Ioannem Baptistam, sanctos Apostolos Petrum et Paulum, omnes Sanctos et vos, fratres, orare pro me ad Dominum Deum nostrum.

 

Misereatur tui Omnipotens Deus et, dimissis peccatis tuis, perducat te ad vitam aeternam.

Amen.

 

Confiteor Deo Omnipotenti, beatae Mariae semper Virgini, beato Michaeli Archangelo, beato Ioanni Baptistae, sanctis Apostolis Petro et Paulo, omnibus Sanctis et tibi, pater, quia peccavi nimis cogitatione, verbo et opere, mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa.

deo precor beatam Mariam semper Virginem, beatum Michaelem Archangelum, beatum Ioannem Baptistam, sanctos Apostolos Petrum et Paulum, omnes Sanctos et te, pater, orare pro me ad Dominum Deum nostrum.

 

Misereatur vestri Omnipotens Deus et, dimissis peccatis vestris, perducat vos ad vitam aeternam.

Amen.

 

Indulgentiam, absolutionem et remissionem peccatorum nostrorum tribuat nobis omnipotens et misericors Dominus.

Amen.

 

Deus, tu conversus vivificabis nos.

Et plebs tua laetabitur in te.

 

Ostende nobis Domine misericordiam tuam.

Et salutare tuum da nobis.

 

Oremus.

Aufer a nobis, quaesumus Domine, iniquitates nostras, ut ad sancta sanctorum puris mentibus mereamur introire.

Per Christum Dominum nostrum.

Amen.

VT-IT-ART-31625-graffito_twitter_bis

TERREMOTI E SINCRONICITÀ NELL’ORARIO DEL DIAVOLO

di Leo Lyon Zagami

La sincronicità è un termine introdotto da Carl Jung nel 1950 per descrivere una connessione fra eventi, psichici o oggettivi, che avvengono in modo sincrono, cioè nello stesso tempo, e tra i quali non vi è un apparente relazione di causa-effetto ma una evidente comunanza di significato. La sincronicità è relativa quindi alle “coincidenze significative”. Fenomeni di “coincidenze significative” hanno sempre affascinato Jung così come l’autore di questo articolo che sa bene che le coincidenze non esistono. Come scrive James Hillman “la sincronicità è il diabolico quarto principio, così Pan è l’ombra diabolica della nostra dominante Trinità archetipa”.

 

Pur essendo il concetto junghiano di sincronicità un termine coniato di recente, ha un’origine rintracciabile nella tradizione filosofica del neoplatonismo. Già Platone sosteneva l’esistenza di una realtà intelligente, le idee, che formano e indirizzano quella materiale, in maniera tale che i fenomeni della natura risultano collegati tra loro da una legge superiore che egli denominava dialettica. La correlazione tra bianco e nero, ad esempio, va ricercata nella loro comune Idea di Colore. La presenza del divino nelle vicende del mondo venne intesa successivamente dagli stoici come συν-παθεία (syn-pathèia), in virtù della quale essi ritenevano che qualsiasi evento, anche minimo o assai distante, si ripercuotesse su ogni altro.  E arriviamo al giorno d’oggi: Ore 3.32, in piena notte un sisma devasta L’Aquila. Sette anni dopo, ore 3.36, un terremoto distrugge il Centro Italia. Solo 4 minuti separano il terremoto di stanotte da quello dell’Aquila del 2009, avvenuti entrambi in un orario che le credenze popolari identificano come “L’ora del Diavolo”. In effetti le 3.33 è un orario particolarmente avversato da alcune tradizioni che considerano questo orario maledetto perché diametralmente opposto alle 3 del pomeriggio che, secondo tradizione, sarebbe l’orario in cui Gesù morì sulla Croce. In questo contesto non proprio esilarante troviamo il demone dei venti e della peste Pazuzu visto nel celebre film L’Esorcista che si ricollega anche al Dio egiziano Seth, il distruttore, la più antica delle divinità, rappresentato come uno strano animale-cane, non dissimile dallo sciacallo, predatore dei deserti. Kenneth Grant noto occultista e discepolo dell’esoterista Aleister Crowley ha chiamato questa manifestazione di Seth, Shugal “la volpe del deserto, simbolo di Seth, la parte maschile della Bestia 666”. Infatti il numero di Shugal è 333. La metà “femminile” della Bestia è Choronzon il cui numero è proprio 333, un altro essere pestilenziale, rappresentazione del Chaos in tutte le sue manifestazioni latenti sostenne di aver evocato Choronzon nel deserto del Sahara nel 1909.

“L’ora del Diavolo” sembra avere quindi delle radici profonde C. G. Jung scrisse: “Noi ora sappiamo che tutte le leggi di natura non sono altro che delle verità statistiche, costrette perciò ad ammettere delle eccezioni” (Prefazione alla traduzione inglese dell’I King, in I King, Edizioni Astrolabio, Roma 1950, pag. 12).

 

 

7c1744829fa7c89c477e2fc62dc6f4006d73237b

Il demone Pazuzu,  il re degli spiriti malvagi dell’aria, e figlio del dio Hanpa nel film L’esorcista (The Exorcist) del 1973.

 

ANTEPRIMA NAZIONALE DEL NUOVO LIBRO A FIRENZE IL 24 SETTEMBRE 2016

ita set 2016:promo

 

A Firenze dalle ore 16 alle ore 20 nell’ex caserma Vannini sita in piazza San Pancrazio2 durante la presentazione della Stretta Osservanza Templare ci sarà anche l’anteprima nazionale del nuovo libro di Leo Lyon Zagami Papa Francesco: L’ultimo Papa? su Harmakis Edizioni che sarà disponibile in loco per chi lo vuole acquistare a 9.90 euro e la cui uscita è prevista in tutte le librerie  il 26 Settembre 2016.

 

ita settembre 2016

 

 

 

 

 

Pope Francis finally admits his resignation before 2019 and announces the arrival of “Peter”

 

By Leo Lyon Zagami

 

Almost a year ago, in the month of October 2015, I announced on Infowars to a perplexed Alex Jones, the possibility that Pope Francis would resign in July, during his planned visit to Argentina, for the bicentennial of the 1816 Argentine Declaration of Independence. However, the whole pastolar visit , and the two neighboring countries, was postponed by the Holy See until 2017. Why? The Jesuit Pope needed more time to prepare his flock for the shocking news of his departure, and the New World Order depends upon his presence during the American elections, as well as the failed coup in Turkey.

 

The fact that I had announced his intentions with such precision to the alternative media, may have also led his Jesuit team to change his schedule in order to avoid public scrutiny, but this does not mean he has changed his intentions to resign. In fact, Pope Francis has now openly admitted such intentions during his last address, during his 5-day visit to Poland for the World Youth Day (WYD), an event for young people organized every three (or sometimes, two) years by the Catholic Church. His revealing remarks were made as he was addressing the World Youth Day volunteers in Krakow for their hard work. The Pope recited his prepared speech, and at that point spoke off-the-cuff to his audience, touching on a number of questions, telling the young people present that he didn’t know whether he would still be around for the next World Youth Day: “I don’t know whether I will be in Panama, but I can assure you that Peter will be!” he said. And, the Pope concluded: “Peter will ask you if you have conversed with your grandparents and with elder people to acquire memory; he will ask you if you have had the courage and the audacity to live in the present; he will want to know whether you have sown seeds for the future.”

 

Now this declation is shocking, not only because it confirms Bergoglio’s intentions of resigning before the next World Youth Day that will take place in 2019, but it also confirms what many have been fearing all along; the arrival of Petrus Romanus “Peter the Roman” the final pope allegedly prophesied by Saint Malachy, a 12th-century Archbishop of Armagh, Ireland. As the legend goes, Malachy was summoned to Rome in 1139 by Pope Innocent II (r. 1130-43). Thus, the prophecy commenced with the Pope following Innocent II, who was Celestine II (r. 1143-44) and ends with Petrus Romanus, “who will pasture his sheep in many tribulations, and when these things are finished, the city of seven hills [i.e. Rome] will be destroyed, and the dreadful judge will judge his people. The End”.

 

Bringing even more importance to the words of Pope Francis, is the fact that some historians and interpreters of the prophecies have always left open the possibility of unlisted popes like Pope Francis himself, between the Pope defined as “the glory of the olive”, that many have identified with Benedict XVI, and the final pope “Peter the Roman.” So let us remember the words of Pope Francis: “I don’t know whether I’ll be in Panama, but I can assure you that Peter will be!”

Source for the shocking announcement Radio Vaticana: http://en.radiovaticana.va/news/2016/07/31/pope_francis_‘i_don’t_know_whether_i_will_be_in_panama’/1248405

 

Papa_Francesco_Krakow_2016_big

 

 

 

 

NUOVO ATTACCO NELLA CITTA’ DI AUSTIN IN TEXAS

HillaryClintonwithDevilHorns39213

 

Nel 2008 mi recai con un gruppo di Repubblicani a Austin in Texas durante la convention democratica che decise la nomination del futuro presidente Barack Obama che avevo già previsto sarebbe diventato il futuro presidente degli Stati Uniti.  Adesso l’America è  ancora sotto attacco in questi minuti proprio nella città di Austin in Texas con ben due sparatorie e almeno un morto.

E pensare che nella conferenza appena conclusa del Partito Democratico che si è appena conclusa al Wells Fargo Center di Filadelfia , non si è quasi parlato del problema terrorismo, così come di quello dell’immigrazione. Questo perché il Partito Democratico negli States, così come in Italia,  è purtroppo il Partito degli Islamisti e dei terroristi.

Una frase di Hillary mi ha particolarmente colpito durante il suo intervento finale dopo la nomination“Nessuno conosce l’Isis meglio di me” . Questa è forse una delle poche verità dette da questa pericolosa guerrafondaia e criminale del Nuovo Ordine Mondiale che ha aiutato a creare il pericoloso Stato Islamico durante il suo periodo come Segretaria di Stato.

Questo attacco potrebbe essere dunque un ennesimo episodio che prova la pericolosità della Clinton; che ricordiamo essere finanziata non solo dall’alta finanza ma anche dal mondo islamico. Entrambe queste realtà vogliono sopratutto una cosa: disarmare la popolazione americana prima di attuare l’ultima fase del loro progetto mondialista. Speriamo che Donald Trump la fermi e riporti in auge l’americanismo non il globalismo, e la finiscano con questa balla dell’Islam moderato,  perché non esiste ed è solo un modo per creare il Crislam e arrivare a un unica religione mondiale dominata dal relativismo gesuita.

Leo Lyon Zagami

www.italians4trump.it

HILLARY CLINTON CHOOSES JESUIT FOR VICE PRESIDENCY AND SUPPORTED ATTEMPTED COUP IN TURKEY

A Firenze presentazione Nazionale della Stretta Osservanza Templare

Contro l’islamizzazione del territorio e la perdita dei valori Cristiani ecco il ritorno del più antico dei Riti Massonici ovvero la Stretta Osservanza Templare: un rito Cristiano.

Come ha fatto recentemente notare in un post su Facebook Pippo Gentile, un Fratello molto conosciuto e stimato del Gran Oriente d’Italia.  Non si può essere legati al famoso Trinomio e alla Massoneria liberale del GOI  e poi supportare Donald Trump o Vladimir Putin.

Gentile che ovviamente è su posizioni radicalmente opposte alle nostre ha detto giustamente:

Fratellanza Uguaglianza libertà e sbaviamo per Trump e Putin sinceramente mi sono perso qualche passaggio!

Si perché  se volete essere sostenitori di Trump e di Putin cari Fratelli del GOI siete nell’Obbedienza sbagliata e state vivendo un vero e proprio controsenso visto che la vostra Gran Maestranza  (Stefano Bisi) è legata la PD e al peggior mondialismo di matrice sinistrorsa che fa capo ai gesuiti e alla Clinton: http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/hillary-riscossa-dopo-fuochi-artificio-trump-clinton-129276.htm

Da noi invece nella Stretta Osservanza Templare che precede l’invenzione del Trinomio Liberté, Égalité, Fraternité (in italiano Libertà, Uguaglianza, Fratellanza) questo problema non sussiste; perché noi siamo  Cristiani e sostenitori della Monarchia e dell’Impero che verrà,  non di una democrazia ormai morta e sepolta sotto le bugie e le false promesse dei politici mondialisti.

Tuttavia crediamo, supportiamo,  e collaboriamo attivamente sia con Vladimir Putin che Donald Trump (http://www.italians4trump.it)  che difendono i valori Cristiani della nostra società.

Il futuro della Massoneria in Italia verra discusso SENZA CENSURE quindi il 24 Settembre 2016 a Firenze dove verrà presentato pubblicamente il progetto nazionale per una nuova massoneria Cristiana. Una Libera Muratoria con una nuova missione  che possa preservare la civiltà Occidentale da questo declino con il Risveglio della Stretta Osservanza Templare.

Non mancate per un evento di importanza storica che si terrà a Firenze dalle ore 16 alle ore 20 nell’ex caserma Vannini sita in piazza San Pancrazio, 2.

 

Gli illustri relatori saranno:

Leo Zagami

(Sovrano Gran Maestro della Stretta Osservanza Templare e autore di fama internazionale).

Luca Monti
(Venerabile del SOT, saggista e autore del libro “Firenze città santa dei Templari”)

Nicola Bizzi
(Nicola Bizzi, editore, saggista e scrittore)

Luciano F. Sciandra
(Uno dei maggiori esperti italiani di storia templare)

Domenico Macrì 
( Gran Cerimoniere Onorario del GOI)

Cristiano Franceschini
(Direttore Museo di Simbologia Massonica di Firenze http://www.musma.firenze.it/)

L’evento aperto al pubblico e GRATUITO verrà seguito da una cena conviviale basata su un menù templare al costo di 20 euro per cui è richiesta una prenotazione obbligatoria con pagamento anticipato all’indirizzo: evento24settembre@libero.it

 

 

 

 

ATTENZIONE POSSONO PRENOTARE PER GARANTIRSI UN POSTO A SEDERE ALL’INDIRIZZO evento24settembre@libero.it

SOLO COLORO CHE SI FERMANO A CENA

 

sot

Responsabile ufficio Stampa e promozione pubblica dell’evento:

Vincenzo Viceversa Cerquiglini

 

GRUPPO FACEBOOK: https://www.facebook.com/events/1753574308225955/

Zagami-Macrì

Il Sovrano Gran Maestro della Stretta Osservanza Leo Lyon Zagami e l’illustrissimo e Potentissimo Fratello Domenico Macrì.