RE GIORGIO E COMUNIONE E LIBERAZIONE CONTRO L’ITALIA

Articolo di Leo Zagami

napolitano-in-montagna-con-scorta-921504

Re Giorgio in vacanza….

 

Re Giorgio Napolitanto, è ritornato a lavoro, cospirando e regnando segretamente sull’Italia dietro le quinte del meeting cattocomunista di Comunione e Liberazione. Usando per questa sua opera di sovversione e cospirazione antidemocratica, effettuata negli ultimi anni ai danni del popolo italiano,  i suoi politici, i suoi burattini del cuore quelli come Renzi o Gentiloni.

 

nuovo-ordine-mondiale10

Ricordiamo queste parole di Giorgio Napolitano – Aprile 2015 –

 “Questo è forse il momento, come non mai, dopo il 1989, in cui si impone,

come materia concreta di riflessione e poi d’impegno, la costruzione di un

NUOVO ORDINE MONDIALE”

 

Anche quest’anno a Rimini si sta infatti svolgendo quella kermesse di mondialisti al soldo della chiesa noti come Comunione e Liberazione, (sopranominati Comunione e Fatturazione), dove si susseguono i dibattiti della vera élite, quella che esercita il potere occulto sul nostro Paese agli ordini di Papa Francesco, il primo Papa Gesuita.

Quelli che durante le intercettazioni uscite fuori con Mafia Capitale, hanno dimostrato di avere le mani sul business degli immigrati.

Un paese davvero desolante il nostro, dominato da inutili zerbini della Chiesa al soldo di George Soros e compagnia bella, in cui domina da anni la scena italica, Comunione e Liberazione, il movimento fondato nel 1954 da don Luigi Giussani, al quale aderiscono ad oggi oltre 300.000 persone in tutto il mondo, anche se il reale numero di seguaci non è facilmente calcolabile.

In occasione del loro meeting annuale a Rimini, viene filtrato quest’anno ai media un messaggio chiaro e inequivocabile del Papa Gesuita agli italiani: “va riconosciuta e certificata” la nazionalità e a tutti i bambini “. Papa Francesco ha preparato in realtà questo suo messaggio, per la Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato, che si celebrerà il prossimo 14 gennaio 2018, il cui tema è Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati, ma il Papa Gesuita lo vuole rendere pubblico ora per fomentare durante il meeting di CL il piano di accettazione dello ius soli voluto dal Nuovo Ordine Mondiale.

Si tratta infatti di un messaggio che prende esplicitamente posizione sullo ius soli e manifesta appoggio anche allo ius culturae, in quanto chiede sia riconosciuto il diritto a completare il percorso formativo del rifugiato nel paese d’accoglienza.

 

E Re Giorgio dopo le sue vacanze principesche nella Dolomiti, con cinque uomini della scorta, e due carabinieri in servizio 24 ore su 24, più tre poliziotti di San Candido con doppio turno (ovviamente tutto a spese nostre), lavora ora per Papa Francesco e l’accettazione dello Ius Soli. Questo diventa chiaro a tutti quando il presidente del Consiglio, il Conte Paolo Gentiloni , burattino numero uno di Re Giorgio, dopo aver inaugurato il meeting di Comunione e Liberazione, e aver dedicato un piccolo pensiero alle povere vittime di Barcellona, e passato subito a parlare di ius soli: “Diritti e rispetto dei doveri anche a chi in Italia è nato”.

 

Poi abbiamo promossa durante i giorni di CL, anche la favola della “tolleranza zero” alla pedofilia di Papa Francesco, che ha visto di recente, don Mauro Inzoli – già condannato nel 2016 a 4 anni e 9 mesi per pedofilia e noto esponente di Comunione e Liberazione –  ridotto dal Pontefice allo stato laicale. “Spretato” quindi secondo il linguaggio comune. Questo ovviamente serve a far capire al popolo dei ciellini che “loro” stanno combattendo la pedofilia e stanno dalla parte del giusto e di Gesù.

 

Certo in questo momento di forte crisi della politica è per Cl come manna dal cielo, con partiti allo sbando e classi dirigenti corrotte che hanno ormai perso completamente la vera ragione per cui si trovano in quella posizione. Senza un vero cambio generazionale, la politica non riuscirà mai a contrapporsi alla diffusione del cancro ciellino e ne sarà sempre complice e succube. Gli interessi economici, specialmente grazie alla Compagnia delle Opere, formano un cortocircuito in cui sia controllati che controllanti fanno parte della stesso gruppo e si aiutano in maniera poco chiara e trasparente, con favori più o meno legali tra le imprese “amiche” ai danni del libero mercato. Inoltre le numerose inchieste che hanno coinvolto membri di Cl (Regione Lombardia, inchiesta Why Not …) o personalità molte vicine al movimento (come il caso dello scandalo dell’ospedale San Raffaele del tardo don Verzè…) hanno spesso mostrato rapporti di malaffare, assegnazione di appalti con concorsi truccati, corruzione e scambio di tangenti, se non, in alcuni casi, sospette relazioni con la criminalità organizzata.

 

Tutto questo è il mondo ciellino, i suoi interessi, i suoi affari e le sue grane tenute nascoste dai potenti. Un mondo chiuso, integralista e per certi aspetti oscuro che sembra non accennare a diminuire, ma anzi, continuare ad espandere sempre di più il proprio potere e guadagno. Una setta vera e propria che gestisce e governa il Paese. Italiani apriamo gli occhi, informiamoci e proviamo, per quanto possibile, a salvare quel poco che rimane della nostra libertà e del nostro futuro e iniziamo una guerra senza quartiere contro tutti i politici servi della Chiesa, del suo Nuovo Ordine Mondiale,  e di organizzazioni come Comunione e Liberazione.

 

 

ATTENZIONE POTETE ANCORA ACQUISTARE I LIBRI DI LEO LYON ZAGAMI PRESSO:

http://www.harmakisedizioni.org/

OPPURE: https://www.macrolibrarsi.it/autori/_leo-zagami.php

IUS SOLI: ANTICAMERA DEL TERRORISMO

 

Articolo di Leo Zagami

 

297795

All’inizio del 1990, il creatore dei giochi di ruolo Steve Jackson progettò un nuovo gioco chiamato “Illuminati-il Nuovo Ordine Mondiale”. Illuminati-NWO include anche la carta della cosiddetta  Jihad

 

La maggioranza degli attacchi terroristici di matrice islamica condotti negli ultimi anni sul suolo europeo sono stati organizzati da persone nate e cresciute in Europa in paesi dove si attua lo ius soli tanto amato dai nostri politici e dal Primo Ministro Paolo Gentiloni.

Molti attentati sono infatti stati messi a segno da figli di immigrati, che quindi sulla carta sono cittadini inglesi, francesi o spagnoli, ma in realtà sono feccia figlia del peggior mondialismo che non si è mai integrata come volevano i Massoni progressisti, e ora più che mai si unisce al jihadismo in cerca di riscatto. Una sorta di vendetta che li rende però facile preda dei mercenari islamici che operano per il Nuovo Ordine Mondiale sempre più voluto da Papa Francesco.

 

islam sharia nazi

 

Le domande che ci dovremmo fare come italiani sono due:

 

1) Vogliamo anche noi in Italia far crescere e dare un identità italiana e un relativo passaporto ai futuri eroi del terrorismo islamico?

 

2) Vogliamo anche noi promuovere la nascita dei ghetti islamici sul nostro territorio?

 

Questi sono problemi reali, soprattutto di ordine sociale, che vanno risolti prima che diventino un problema di sicurezza nazionale. La realtà delle banlieues in Francia, è quella di migliaia di persone ammassate nei ghetti islamici che si stanno formando in tutta Europa, va fermata al più presto senza esitazioni. Visto che sono questi sobborghi il centro di reclutamento primario della jihad.

 

Attualmente in Italia la cittadinanza si trasmette da genitore a figlio secondo il principio dello ius sanguinis che si distingue dallo ius soli (il quale, invece, presuppone l’acquisizione della cittadinanza in base al luogo di nascita). Nel nostro Paese vengono considerati italiani tutti coloro che hanno almeno un genitore italiano o i discendenti di italiani che sono in grado di dimostrare la catena parentale fino ai parenti italiani e gli apolidi e i figli di ignoti nati in Italia.

 

Non ci sorprende quindi che Sussidiario.Net, sito vicino ai mondialisti di Comunione e Liberazione abbia rilasciato nelle ultime ore l’ennesima dichiarazione pro ius soli del nostro Primo Ministro Gentiloni. Questo a conferma di una modalità che potrà solo aiutare il l’avanzata del mondo islamico in Europa, e mostra ancora una volta l’irresponsabilità di un intera classe politica piegata ai diktat di un Papa Gesuita. «Diventando cittadini italiani – spiega Gentiloni – si acquisiscono diritti ma anche doveri. Garantire questa possibilità ai figli degli immigrati nati in Italia è una conquista di civiltà e un modo per valorizzare e arricchire la nostra identità».

 

ISIS ROMA

 

Forse Gentiloni ha voluto ribadire il suo appoggio allo ius soli per evitare l’accanimento dell’Isis ovvero del Nuovo Ordine Mondiale di Soros e soci contro l’Italia, dopo la nostra stretta anti-immigrazione e le recenti minacce jihadiste. Da ieri infatti circola un’ennesima minaccia al nostro Paese già martoriato dall’incompetenza e la corruzione dei suoi politici servi della Chiesa di Papa Francesco e di un manipolo di radical chic. Secondo il sito specializzato Site, sul web sarebbe comparso un proclama dell’Isis che dice:

«dopo la Spagna e la Russia toccherà all’Italia».

Ma i Sinistrorsi e i mondialisti sfegatati del Movimento 5 Stelleche prima di cambiare idea nel 2013 presentarono una proposta sulla cittadinanza per i figli degli stranieri nati in Italia molto simile a quella in discussione adesso– vogliono forzarci ad accettare quello che si è dimostrato essere “il Cavallo di troia” del fondamentalismo islamico: ovvero lo ius soli.

Quando Il Fatto Quotidiano afferma nei mesi scorsi che non vi è alcun legame tra immigrazione e terrorismo, scrivendo amenità come queste di Gianni Rosini pubblicate il 7 marzo 2017: “Terrorismo slegato da immigrazione. 94% di attacchi fatti da persone nate e cresciute in Europa”.

I giornalisti radical chic, seppure non Piddioti,  de Il Fatto Quotidiano,  sembrano ignorare che queste persone da loro descritte come “nate e cresciute in Europa” sono in realtà dei musulmani non integrati di seconda, terza, o perfino quarta generazione, frutto delle scellerate politiche migratorie e di ghettizzazione, che non faranno altro che aiutare la crescita del fenomeno della radicalizzazione jihadista.

Queste sono le scelte a dir poco ipocrite,  fatte dai loro amati politici progressisti al soldo di George Soros, che ora invece di proteggere i nostri confini e la sicurezza dei nostri cittadini li vogliono premiare qui in Italia con lo ius soli.

 

 

ATTENZIONE POTETE ANCORA ACQUISTARE I LIBRI DI LEO LYON ZAGAMI PRESSO:

http://www.harmakisedizioni.org/

OPPURE: https://www.macrolibrarsi.it/autori/_leo-zagami.php

PROGRESSISTI E ISIS LAVORANO INSIEME

Articolo di Leo Zagami

18268112_761780790662468_1237445968806707225_n

Sovranità addio…. George Soros a Palazzo Chigi da Paolo Gentiloni

 

Pensateci bene sono loro i Massoni progressisti capitanati da George Soros, e i loro burattini alla Bordini, o alla Di Maio, o i loro servi, alla Gentiloni, a incoraggiare la scellerata politica della cosiddetta integrazione. Una politica che purtroppo non sta funzionando, ne qui, ne in Spagna.

La Catalogna per esempio è una realtà fortemente sviluppata, che gode di ampia autonomia all’interno della Spagna contemporanea. Meta di turisti, amata dai giovani e dai radical chic, fatica però a fare i conti con la vasta comunità islamica, comprendente elementi che non intendono “integrarsi”. E allora con la progressiva sconfitta dello Stato Islamico grazie al presidente Donald J. Trump migliaia di combattenti addestrati militarmente stanno rientrando in Europa. E non si tratta più del terrorismo “fai da te” che abbiamo visto finora ma di ben altro.

Si perché nonostante l’apparenza “low cost” degli attacchi recenti è ovvio che vi è una regia occulta dietro alla “moda” dei furgoncini,  o dei TIR lanciati contro le folle. Ricordiamoci che il recente attacco alla città di Barcellona in particolare, è un gesto altamente simbolico. Il processo di Barcellona noto anche come partenariato euromediterraneo, è infatti il nome con cui si indica la strategia comune europea per la regione mediterranea. Quella strategia che ora sta gettando l’Europa nel chaos,  perché frutto di compromessi indicibili, fatti dal mondo progressista, figlio della peggior ipocrisia. Quella che ogni volta ci dice che “bisogna andare avanti e non avere paura”, si perché il mondialismo deve andare avanti e noi non dobbiamo dubitare della loro genuinità.

Il  processo di Barcellona fu avviato dall’Unione europea, che all’epoca contava 15 stati membri, e da altri 12 stati della regione durante la conferenza di Barcellona,  che si riunì il 27 novembre e il 28 novembre 1995; ma solo 10 anni dopo nel summit di Barcellona del 2005 i paesi aderenti hanno riaffermato il progetto economico,  ma anche quello della lotta contro l’immigrazione clandestina, quella lotta che ora ci mette nel mirino dell’Isis.

Perché se l’Italia li blocca, noi per questa feccia immonda dobbiamo morire, ma vi rendete conto?

Questo è cosa succede con LA GRANDE SOSTITUZIONE come la chiama Marco Santero:

 

LA GRANDE SOSTITUZIONE di Marco Santero

 

Incredibile ma vero l’Isis vuole la stessa cosa che vogliono i nostri politici progressisti, anzi diciamolo pure comunisti: l’invasione selvaggia da parte di milioni di musulmani figli di una religione che è antitetica ai valori stessi della nostra Europa e fu fondata da un pedofilo!

Chi può dimenticare Aisha la moglie bambina di Maometto e  l’articolo di Vittorio Feltri intitolato “La verità che fa male” apparso il 9 Novembre 2009 sul quotidiano  Il Giornale. Un articolo molto eloquente dove Feltri dice: “A casa nostra, chi si accoppia con una fanciulla di nove anni è un pedofilo, allora dov’è l’errore della Signora Santanchè quando sostiene che Maometto era un pedofilo?”.

LAPR1022_MGZOOM

La Boldrini a lavoro con i suoi amati musulmani

È ora che l’intelligence europea cominci a mettere in atto una prevenzione unitaria, ma serve anche un politica unitaria, non di sinistra, che mostri a questi animali del mondo islamico,  la forza e l’ira dell’Occidente ferito più volte dal TERRORISMO ISLAMICO.

Lo dobbiamo fare con una vera difesa dei propri valori, non l’atteggiamento attuale dei sinistroidi, quello che mostra in un suo articolo, il giornalista di sinistra e radical chic Lirio Abbate che scrive sull’Espresso il 18 agosto 2017: “Dopo Barcellona, la paura di avere paura in Italia

È necessario un approccio culturale e mentale, per limitare i danni. E occorre spogliare questa battaglia di tutte le possibili strumentalizzazioni xenofobe di chi ha interesse in qualche modo a radicalizzare lo scontro”

 

Io dico fermiamoli, sia i terroristi del mondo islamico, sia i nostri politici Catto Comunisti e i loro alleati europeisti e servi del Nuovo Ordine Mondiale come Silvio Berlusconi. Troviamo un alternativa vera a questo schifo. Chissà l’Europa di oggi forse dovrà morire per rinascere ancora una volta Cristiana e indipendente, e vanno riformate al più presto le scuole e le università del nostro Paese occupate dalla sinistra fin dalla fine degli anni 60 ovvero l’inizio della fine…

 

 

ATTENZIONE POTETE ANCORA ACQUISTARE I LIBRI DI LEO LYON ZAGAMI PRESSO:

http://www.harmakisedizioni.org/

OPPURE: https://www.macrolibrarsi.it/autori/_leo-zagami.php

Just another day in Islamisized Europe

Article by Leo Zagami

 

5760

Demonstrators marching in Barcelona in February 2017 to demand more refugees are welcomed to Spain. Photograph: Emilio Morenatti/AP Photo

 

Last February 2017, tens of thousands of people marched through Barcelona urging the Spanish government to immediately meet its pledge to take in thousands of refugees. One wonders if they will do the same now that around a dozen people have been killed, and many more injured, after a confirmed terrorist attack took place in the Las Ramblas area.

 

4221396001_5543942252001_5543933405001-vs4221396001_5543942252001_5543933405001-vs 1056548751

Terror in Barcelona  unfolding…

 

The attack is still ongoing while I write this article, but we know now is that a van crashed into a crowd of people in one of the most popular tourist areas of Barcelona, killing and injuring many, and there are terrorists still on the loose, barracaded in a restaurant/bar.

 

Ada Colau, the mayor of Spain’s second city, back in February, called on Barcelona residents to “fill the streets” and march under the slogan, volem acollir (“We want to welcome them” in Catalan). Local police said a huge number, approximately 160,000 people, had heeded the call, but how many will do the same after the latest events in Barcellona?

 

1 million sea arrivals in Europe in 2015, only a few thousands in Spain.

1.3 million asylum applications lodged, only 13.000 in Madrid. How is it that the only European country adjoining Africa – with Ceuta and Melilla, the two Spanish enclaves in Morocco – has not been touched by the wave of refugees and migrants that hit Europe last year? Well, the Jesuits love their Spanish liberals to have an easy task compared to the ones in Italy or Greece, where the numbers involved are much more, and the crisis is growing out of proportion.

 

Islam’s “Quiet Conquest” of Europe continues, piloted by Saudi Arabia and its liberal allies in the West, like George Soros and Pope Francis; but they have difficulties in pushing Spain to accept more refugees. Having said that, Spain has welcomed more refugees than ever before in 2016 .

 

Saudi Arabia has been funding mosques throughout Europe that have become hotbeds of extremism said the former British ambassador to Saudi Arabia Sir William Patey, only last month, and this is also happening in Spain.

 

Let’s see how Spain reacts and how this will unfold.

 

Leo Zagami is a regular contributor to Infowars and the author of Confessions of an Illuminati, Volume III: Espionage, Templars and Satanism in the Shadows of the Vatican

 

IL MOVIMENTO ROOSEVELT COSTRETTO A CAMBIAR NOME?

Articolo di Leo Zagami

 

Il progressista Catto-Comunista dedito all’occulto, Davide Crimi, autore di vari libricini dal sapore esoterico-storico, e membro della pseudo loggia Massonica progressista di Gioele Magaldi, scriveva nell’aprile 2015, sulle pagine del Movimento Roosevelt (di cui è peraltro uno dei soci fondatori), le seguenti parole:  Evocare il nome Roosevelt significa ricondursi a quel che è il più elevato piano nella concezione di politiche progressiste. Un riferimento importante il cui significato è relativo alle tre grandi personalità che stanno dietro questo nome, e cioè: Theodore, Franklin Delano, Eleanor. Theodore Roosevelt è uno dei quattro presidenti degli Stati Uniti d’America il cui volto è scolpito sul monte Rushmore.

(tratto da: https://www.movimentoroosevelt.com/chi-siamo/introduzione-al-movimento-roosevelt.html)

 

Peccato che adesso le cose stiano cambiando, e George Soros e company,  i  controllori supremi del pensiero progressista, abbiano ora deciso diversamente sulla figura dell’ex Presidente Theodore Roosevelt, considerato adesso dai Sinistrorsi progressisti, un nemico, e un pericoloso razzista.

 

tr_0

I manifestanti progressisti si riuniscono presso il Museo Americano di Storia Naturale di New York  per chiedere la rimozione della statua  dell’ex Presidente Theodore Roosevelt

 

A questo punto cosa faranno i progressisti del Movimento Roosevelt ? Cambieranno nome?

 

Lunedi scorso infatti dopo i gravissimi eventi di Charlottesville, centinaia di attivisti progressisti, che come saprete dai TG hanno chiesto ai Stati del Sud di rimuovere le statue dei Confederati, si sono riuniti presso il Museo Americano di Storia Naturale a New York, e lo hanno fatto per richiedere la rimozione della statua, ora considerata “razzista”, di Theodore Roosevelt. Chiedendo anche di rinominare il Columbus Day. Cose davvero dell’altro mondo, se ci pensate bene miei cari lettori,  ma questo è il risultato della pericolosa deriva a sinistra, attualmente in atto contro il Presidente Trump, voluto dalla Massoneria progressista. Quella che non accetta la sconfitta e vuole infamare a tutti i costi il presidente americano.

 

I Massoni progressisti Gioele Magaldi e Giovanni Francesco Carpeoro, di cui ho parlato nei giorni scorsi, come forza ideologica, di questo pseudo movimento politico di matrice progressista controllato dai Gesuiti, adesso si troveranno sicuramente in difficoltà con i loro amici “compagni” visto il nome del loro movimento.

CARPEORO: FOLLIE MASSONICHE E DISINFO DI FINE ESTATE

Magaldi si dovrà  arrampicare sugli specchi per giustificare la sua posizione. Ma lui è bravo in questo. Magari Gioele ripudierà Theodore in favore dei più progressisti e “Democratici” Franklin Delano e Eleanor.

 

Ma sicuramente in tutto questo, molti sinistroidi, si dimenticano convenientemente che il Ku Klux Klan (acronimo: KKK) fu fondato come braccio armato del Partito Democratico. E questo è un fatto storico, non un opinione, o una tesi cospiratoria non provata, alla Magaldi o alla Carpeoro.

 

Quindi  200 persone, che si rifanno all’ amato pensiero progressista di Magaldi e soci, hanno difatti applaudito all’esterno del Museo in questione mentre cercavano di coprire la statua di uno dei beniamini del Movimento Roosevelt, ovvero Theodore Roosevelt, chiedendone ad alta voce la sua rimozione.

 

Se li guardate in video sono i tipici esponenti del pensiero progressista e comunista a cui si rifanno gli italiani del Movimento Roosevelt. Tipici cialtroni di sinistra, pseudo intellettuali comunistici, e anarchici agitatori al soldo di George Soros.

Ricordatevi caro Movimento Roosevelt che l’unico vero fallimento nella vita è non agire in coerenza con i propri valori diceva il Buddha, e voi  progressisti ne siete il miglior esempio.

 

ATTENZIONE POTETE ANCORA ACQUISTARE I LIBRI DI LEO LYON ZAGAMI PRESSO:

http://www.harmakisedizioni.org/

OPPURE: https://www.macrolibrarsi.it/autori/_leo-zagami.php

Cardinal Pell’s best friend makes shocking statement

Article by Leo Zagami

 

1369069200000

Archbishop of Melbourne Denis Hart

 

Back in June 2017, the office of Pell’s successor in Melbourne, Archbishop Denis Hart, released a statement saying he believes Pell is entitled to a fair trial stating that, “Cardinal Pell has been a friend and brother priest for more than 50 years.”

 

Now the shocking news: Archbishop Denis Hart announced that he is prepared to be jailed for failing to report child sex abuse if it is revealed to him during confession. Denis Hart has insisted that a confession is “a spiritual encounter with God through the priest” and was “of a higher order” than criminal law.

 

His shocking comments came after the Australian Royal Commission into Institutional Responses to Child Sexual Abuse rightfully said there should be, “No excuse, protection nor privilege,” for clergy who failed to alert police of abuse. However, Hart could be using this excuse to protect Cardinal George Pell, senior adviser to Pope Francis, and the third-ranking official in the Holy See, who is now facing trial in Australia.

 

Leo Zagami is a regular contributor to Infowars and the author of Confessions of an Illuminati, Volume III: Espionage, Templars and Satanism in the Shadows of the Vatican

New Scandal about to erupt in the Vatican?

Article by Leo Zagami

 

miriam-woldu-e1456808952990

Miriam Wuolou 

 

In February, 2016, the Pope’s seven month pregnant receptionist, Miriam Wuolou, a 34-year-old of Eritrean origin, was found dead under mysterious circumstances, in her apartment on the outskirts of Rome, in Via Cesare Pascoletti. She worked at Pope Francis’ Santa Marta residence for a few years, and was very close to the Jesuit Pope.

 

AFP_8A7OB

Pope Francis pays his respects in front of the coffin of his late receptionist  and Parttime Secretary Miriam Wuolou

 

According to Rome-based newspaper Il Messaggero, Miriam Wuolou, who was divorced, had been having an affair with one of Pope Francis’ closest security advisers, and a member of his secret service, who apparently is married, and was conveniently in Mexico at the time of Miriam’s death.

 

papa

Pope Francis seems nervous and loses his cool during his Mexico visit shouting at the crowd for tugging him and making him fall onto a disabled man

 

The Pope’s receptionist was found lifeless in her apartment, and her possible murder seemed initially unsolvable, even for the Italian media. Strangely enough, she died in solitude, and the body was eventually found in a state of decomposition many days after she died. How is this possible? We are in the age of smart phones and instant communication, and this version of the events sounds totally made up by a bunch of old priests.

 

At the time, the Italian Police investigated the case of neglect, interviewing her family members, her ex-husband, and even her lover, according to Rome-based newspaper Il Messaggero, but nothing came out of the enquiries.

 

While the murder hypothesis seemed initially a very concrete possibility for many, at least considering the strange circumstance of her death, it was quickly brushed off as a natural occurrence by the Vatican, who announced to the media that Ms. Wuolou had a serious kind of diabetes, which had led doctors to warn her pregnancy was at risk, and this was the only possible reason for her death.

Pope Francis seemed destroyed as he was very close to the woman, and according to Vatican sources, began an internal investigation on the matter.

 

However last week, I received from a Vatican insider some very interesting information regarding Miriam Wuolou’s possible murder, that was apparently filmed by someone who is now using it to blackmail the Pope in this never ending internal war inside the Vatican.

 

 

Leo Zagami is a regular contributor to Infowars and the author of Confessions of an Illuminati, Volume III: Espionage, Templars and Satanism in the Shadows of the Vatican

The Vatican Vs. Trump

 

Article by Leo Zagami

 

8147df54-407f-11e7-856b-e1fa35887c8d_web_scale_0.0657895_0.0657895__-1

Trump and Pope Francis

 

Fr. Antonio Spadaro, Marcelo Figuero, and Fr. Guilio Cirignano are focusing on Americans lately. The spotlight has been put on bishops and priests from the US, in the Jesuit-edited journal La Civilità Cattolica, and in the weekend edition of the Vatican newspaper L’Osservatore Romano. They are motivated by their war with Donald J. Trump, who is the only one opposing this Jesuit driven New World Order.

 

Spadaro and Figuero throw accusations against Americans to include:

 

  • “An ‘ecumenism of hate’ exists between American Catholics and Evangelicals for their defense of the unborn from the horrors of abortion and their defense of marriage”

 

  • Opposition to the legalization of abortion and gay marriage represents “the nostalgic dream of a theocratic type of state”

 

What? The Church must approve abortion and gay marriage? This demonstrates how the Jesuits are destroying the traditional values of Catholicism, in favor of an almost predominantly gay church, made up of hypocrites. Jesus said: “Isaiah was right when he prophesied about you hypocrites; as it is written: “‘These people honor me with their lips, but their hearts are far from me.” (Matthew 15:8-9)

 

  • Reference to efforts at Muslim immigration restriction in both America and Europe as a “narrative of fear.”

 

The Muslim invasion of the West promoted by Pope Francis, and sponsored by George Soros, must continue, as well as Pro-Muslim Propaganda. In Canada, George Soros and Trudeau’s Liberals are also promoting Muslim migration.

Britain Tump Travel B_Clar

Demonstrators protest against U.S. President Donald Trump’s controversial travel ban on refugees and people from seven mainly-Muslim countries, in London on Jan. 30. (AP Photo/Alastair Grant)

 

Early this year the Jesuit superior at London’s Farm Street Church, Dominic Robinson, S.J., said that the president’s “appeal to Christians by prioritizing Christian refugees and refusing entry to those from Muslim countries is, in fact, a paradoxically pernicious way of promoting what is contrary to Gospel values.”

 

Let’s end all this and stop the Jesuits now by supporting unconditionally President Donald J. Trump!

 

Leo Zagami is a regular contributor to Infowars and the author of Confessions of an Illuminati, Volume III: Espionage, Templars and Satanism in the Shadows of the Vatican

A PERUGIA I COMUNISTI ATTACCANO LA MASSONERIA?

Articolo di Leo Zagami 

 

portone sfregiato falce e martelllo

A Perugia nella notte imbrattati il portone e la targa della famosa Casa massonica del G.O.I. di corso Cavour, dove i presunti comunisti hanno scritto “Vi appendiamo per i coglioni”. “Dispetto, sfregio o minaccia reale?” riportano immediatamente i media sinistrorsi, che ovviamente sminuiscono da subito la cosa e preferiscono parlare del gesto inconsulto di qualche ubriaco, piuttosto che di quello dei loro amici “compagni”.

Ai Fratelli di Perugia del G.O.I. con cui ho condiviso in passato iniziative culturali e Massoniche di grande valore, nonostante non sia un fan dell’attuale Gran Maestranza, va innanzitutto la mia solidarietà, piena e incondizionata, e quella dei Massoni perbene dell’intero Paese.

Ma notate bene cari Fratelli,  i simboli che vi stanno minacciando sono Falce e Martello,  e Stella a Cinque Punte inclusa in un cerchio, in evidente riferimento alle Brigate Rosse. Ovviamente come qualcuno mi ha fatto notare tali simboli erano in uso presso le Scuole Misteriche fin dall’antichità ma in questo caso hanno una matrice realmente SINISTRA in tutti i sensi.

 

3 scritta su sportello laterale

Quella sinistra che da una parte si infiltra da voi come progressista e moderata controllandovi, e dall’altra,  vi attacca in maniera insulsa e reazionaria parlando di “galletti”.

Ma ricordatevi cari Massoni,  il vero significato del Gallo nella Camera di Riflessione:

Il Gallo Araldo del Sole simbolo di fierezza, appare raffigurato accanto al dio Mercurio. Consacrato ad Apollo eroe del giorno che nasce e simbolo di luce in Oriente rappresenta la virtù del coraggio militare per gli speroni, per la bontà con cui divide il suo cibo con pulcini e galline ed infine la fiducia vigile e la sicurezza virile con cui annunzia il levar del sole.

 

denuncia

Verbale di ricezione di denuncia sporta dai Massoni del GOI alla Questura di Perugia per il grave accaduto

 

Bisogna reagire al levar del sole, prima che il fare libertino e pigro di troppi Fratelli, nei confronti di questi eventi ci porti a una nuova cupa notte di persecuzione e di distruzione delle logge, proprio come viene mostrato in alcune foto presenti all’ingresso della Casa Massonica di Perugia. Foto, che ci ricordano quello che accadde quasi un secolo fa, per volere di Mussolini,  purtroppo convinto dai Gesuiti a eliminare totalmente la Massoneria dopo averla sfruttata precedentemente,  per arrivare al potere (con  il famoso quadrunvirato fascista di origine Massonica).

Non vi pare che la storia si ripeta in qualche modo anche con il Fratello Silvio Berlusconi, o più recentemente con il Fratellino Matteo Renzi e  il suo Puparo Re Giorgio Napolitano. Figure che  tutto sommato sembrano agire nello stesso modo. Vi lodano, vi usano a più riprese, a volte partecipano perfino ufficialmenteattraverso il loro sottoposti, magari con un bel messaggio ai vostri teatrini annuali a Rimini.  Ma alla fine vi perseguitano quando ormai non servite più ai loro scopi, e  magari vi scatenano contro la Bindi.

Vi hanno fatto di sicuro il lavaggio del cervello cari Fratelli Progressisti che abbracciate apertamente le idee di un Papa Gesuita, e non proteggete più il Popolo, anzi promuovete l’ideologia mondialista e la tolleranza Boldriniana a discapito del popolo italiano: VERGOGNA!

Ieri come alcuni di voi si ricorderanno, ho parlato su questo sito di uno dei grandi problemi della Massoneria italiana contemporanea, ovvero la presenza sempre più evidente di una pericolosa deviazione sinistroide:

http://leozagami.com/2017/08/13/carpeoro-follie-massoniche-e-disinfo-di-fine-estate/

Una realtà sempre più progressista e becera, pronta a far propri valori che nulla hanno a che fare con la nostra Antica Istituzione o le sue millenarie tradizioni, attinge invece piuttosto dai falsi valori della New Age pilotata dai Gesuiti che si nutre di credi settari e occultistici, nati all’interno di una certa Teosofia, come Thelema. Pericolosa filosofia occulta di matrice Satanica,  promossa negli ultimi anni all’interno del Grande Oriente d’Italia da collaboratori del Gran Maestro Stefano Bisi, Massoni come Jean Matthieu Kleeman, che attualmente guida in Italia l’ O.T.O. Un ordine Para-massonico che abbraccia Il Libro della Legge, ricevuto nel 1904 al Cairo dal “Profeta dell’Amabile Stella” (al secolo il satanista Aleister Crowley).

8b8f7acc55075604a403717650513a73

Aleister Crowley era noto anche come Bafometto

fig.30

Jean Matthieu Kleeman attuale Gran Maestro dell’Ordo Templi Orientis (allora Maestro Venerabile dell’Of cina Lino Salvini di Firenze), e il futuro Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia Stefano Bisi, durante lo scoprimento di un Opera massonica dello scultore Eduardo Bruno all’Oriente di Firenze nel 2011. 

 

Non ci stupiamo quindi se queste forze della contro-iniziazione e del male, legate da sempre a una certa sinistra reazionaria, si stanno rafforzando. Lo possono fare perché sanno che nell’Italia di oggi la passeranno liscia. Vi consiglio quindi di muovervi finche siete in tempo, perché la Massoneria non può diventare serva sciocca di un Nuovo Disordine Mondiale al soldo di George Soros e di un manipolo di radical chic, i cui pericolosi burattinai sono il frutto della peggiore Massoneria deviata.

E per concludere ci sono molte telecamere in zona quindi cerchiamo di capire chi è stato e far chiarezza senza coprire nessuno…

Ad Maiora

LLZ

ATTENZIONE POTETE ANCORA ACQUISTARE I LIBRI DI LEO LYON ZAGAMI PRESSO:

http://www.harmakisedizioni.org/

OPPURE: https://www.macrolibrarsi.it/autori/_leo-zagami.php

002_concept_black_3D_checkered_carpeting

 

CARPEORO: FOLLIE MASSONICHE E DISINFO DI FINE ESTATE

Articolo di Leo Zagami

 

Cari amici sono stato zitto per troppo tempo riguardo alla situazione attuale della Massoneria italiana, trasformata dalla morte del Conte Licio Gelli (nel dicembre 2015), in un patetico teatrino fatto di pseudo Gran Maestri e scissioni pilotate dalla sinistra piddiota, e dal peggior mondialismo; ormai in preda a deliri di onnipotenza e bimbominkia. Certo ci sarà chi dirà che il declino, era già iniziato con lo scandalo P2, o con la più recente Gran Maestranza di Gustavo Raffi. Tuttavia l’ultimissima follia Massonica ha visto la nascita dell’ennesima Obbedienza guidata dell’ex Gran Maestro della Vitelleschi, Luigi Pruneti. Altra realtà irregolare e spuria, a cui si sono uniti i personaggi più improbabili e colorati della scena esoterica e Massonica italiana, tra cui ufologi vicini al sistema, membri di fantomatiche Università esoteriche, autori di libri pseudo esoterici, e giornalisti della cosidetta controinformazione in cerca di informazioni e notorietà. Nulla di criminale si spera, ma tuttavia un altro inutile teatrino nel nome della Frammassoneria.

 

011119768-dda0933d-6a5a-49ee-9e5a-2987d6d8399d

Il tardo Conte Licio Gelli  (Pistoia, 21 aprile 1919 – Arezzo, 15 dicembre 2015)

 

luigi-pruneti

Luigi Pruneti sedicente Gran Maestro dell’Ordine Massonico Tradizionale

 

bruxelles_08

Luigi Pruneti qualche anno fa nel ruolo di Gran Maestro della Gran Loggia d’Italia durante l’incontro con il criminale mondialista José Manuel Barroso, al tempo Presidente della Commissione europea

 

Pensate che anche una mia loggia della Stretta Osservanza Templare,  la von Hund all’Oriente di Firenze, guidata  da un certo Nicola Bizzi e dal signor Luca Monti, quest’ultimo ex Maestro Venerabile di una loggia della Gran Loggia d’Italia, hanno preferito passare con il Gran Maestro Pruneti, critici delle mie scelte Trumpiane e della nostra disciplina anti-cazzeggio, che non tollera in loggia, ne progressisti bimbominkia vicini a Renzi e soci, ne comunisti. Insomma va di moda il comunismo e la sinistra piddiota nelle Massoneria italiana di oggi e questa triste verità è purtroppo sempre più evidente, sia nelle parole e i pensieri espressi più volte pubblicamente dal Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia Stefano Bisi, sia da quelle scritte di recente dal Massone e autore, Gianfranco Carpeoro, all’anagrafe Gianfranco Pecoraro (Nomen omen?):

Io sono profondamente convinto della bontà della dottrina massonica. Parlo male della massoneria che in questo momento è dominante. Sono convinto che esista una massoneria progressista di valore, e Gioele Magaldi ne è un esempio: era candidato a diventare il gran maestro del Goi, era certo che lo sarebbe diventato, perché era il delfino di Gustavo Raffi; quando si è messo di traverso, Magaldi la causa per essere riammesso poi l’ha vinta, però non è rientrato.

Magaldi è un personaggio che magari non sarà simpatico a tanti perché è bello ruvido, però la sua coerenza è il fatto che lui rappresenti una vocazione massonica piena, nel senso progressista del termine. Su questo non ci sono dubbi, tant’è vero che (nel Movimento Roosevelt, da lui fondato) ha aggregato le migliori energie progressiste del paese, come Nino Galloni. Questo tipo di aggregazione è la sua vocazione massonica portata nella politica. Lui è un massone progressista che vorrebbe che si facesse una politica progressista: non perché vuole coinvolgere la massoneria nella politica, ma perché un vero massone non può non votare progressista.

 

hqdefault

Gianfranco Carpeoro ex Sovrano Gran Commendatore del Rito Scozzese Antico e Accettato di una delle tante discendenze spurie e irregolari di Piazze del Gesù che molti confondono con la Vera Massoneria

 

Si avete capito bene “un vero massone non può non votare progressista”.

Ma di quale Massoneria sta parlando questo presunto Massone progressista?!!

Mi spiace ma queste affermazioni sono contrarie all’idea stessa di Massoneria e di tradizione, che non potrà mai essere “progressista” o di sinistra, se regolare e rispettosa delle sue antiche tradizioni e ovviamente non collusa con Gesuiti e Sionisti, come lo è per sua stessa ammissione Gioele Magaldi, figura ancora chiacchieratissima all’interno del Grande Oriente d’Italia e che non ci risulta fosse mai stato candidato a diventare il Gran Maestro del G.O.I., o abbia vinto un bel niente a livello legale contro l’Obbedienza di Palazzo Giustiniani. Anzi fu bruciato a suo tempo tra le colonne della sua loggia di appartenenza la Har Tzion Montesion 705 di Roma, per violazione degli Statuti, e perché coinvolto in uno scandalo finanziario all’interno della sua loggia. Uno scandalo che viene ancora coperto per volere del padre tuttora membro del G.O.I. e alto grado del R.S.A.A. Informazioni ovviamente tutte da provare, perché provenienti dal misterioso mondo della Massoneria, un istituzione che si apre ben poco all’esterno sui suoi scandali interni e preferisce farli dimenticare.

 

Logo2

Simbolo della  Har Tzion 705 di Roma nota comunemente tra i Massoni come Loggia Monte Sion

 

Il “Movimento” politico di Magaldi dedicato a Franklin Delano Roosevelt è invece un altro ramo (secco..) della filosofia Piddiota e Pentastellata dominata dalle favole e le false promesse dei radical chic, che nulla hanno a che fare con il credo e l’operato della vera Massoneria dove non si parla di politica e di religione, e le cui origini sono cristiane e il credo in un essere Supremo, non sono compatibili con le parole e le idee libertine e occultiste degli ex Massoni Gianfranco Carpeoro e Gioele Magaldi; che dovrebbero sapere che il progresso attuale è un’illusione, la democrazia una favola per utili idioti, e l’uguaglianza una cagata pazzesca per tenere a bada le masse illuse.

 

81387

Gioele Magadi definito da DAGOSPIA “l’ennesimo cazzaro ubriaco di compassi grembiuli”

Mi spiace dirvelo miei cari lettori ma personaggi come Magaldi e Carpeoro (e non solo loro), hanno fatto scempio delle umane intelligenze sull’onda del successo delle mie Confessioni di un Illuminato. E negli ultimi tre anni mentre i miei libri venivano prima rigettati dagli editori, e poi metodicamente tolti dagli scaffali delle migliori librerie, e sabotati dalle distribuzioni nazionali, loro i nuovi arrivati sfornavano menzogne e nuove improbabili teorie per dar vita a libri e libricini, presentati al mondo come le verità segrete di un mondo a loro inaccessibile (senza mostrare mai alcuna documentazione credibile a riguardo).

Io infatti ho sempre mostrato per avvalorare le mie tesi, e le mie afffermazioni, foto e documenti segreti, o perlomeno riservati, beccandomi per questo motivo non solo l’odio e la persecuzione dei Massoni deviati di mezzo mondo, ma anche un arresto per spionaggio in Norvegia, oltre che una persecuzione senza tregua in Italia, soprattutto dopo le pubblicazioni dei miei libri e il mio coinvolgimento nella scena politica italiana.

Pensate che Matteo Renzi a suo tempo ha ordinato a sui amici del Tavistock Institute di perseguitarmi e farmi fuori dalla scena politica usando anche l’arma della diffamazione, e facendomi passare per una figura borderline, rinchiudendomi contro la mia volontà per due settimane in un istituto guidato dal Dott. Giuseppe Nicolò a suo dire rappresentante del Tavistock. Be di queste gravi affermazioni abbiamo le prove e i testimoni,  e sono pronto a presentarle a qualunque autorità giudiziaria ne faccia eventualmente richiesta. Quello che invece affermano giornalmente, Magali, o il suo amico Carpeoro, sono fino a prova contraria, affermazioni di fantasia, alla stregua di quelle dell’omino mascherato Adam Kadmon, altro progetto di disinformazione creato per prendere per i fondelli le masse stolte e ignoranti del Bel Paese, che credevano alla sua figura creata ad arte per i media da un team di scrittori e ricercatori esoterici, che includevano perfino un Gran Maestro della Massoneria a me conosciuto e un altra decina di autori. Ovviamente Gioele Magaldi e Gianfranco Carpeoro, a suo tempo cercarono una possibile alleanza con il sottoscritto tramite Magaldi,  che mi telefonò e incontro più volte tra il 2014 e il 2015,  e mi convinse perfino a organizzare una conferenza insieme a Firenze oltre che a unirmi al suo movimento politico: https://www.movimentoroosevelt.com/news/per-dipartimento/movimento-roosevelt/l-adesione-di-leo-zagami-al-movimento-roosevelt-video.html

10649916_1593334497564799_6607690361204614259_nfig.52

Insieme a Gioele Magaldi a Firenze e a Roviano in provincia di Roma

Video tratto dall’evento di Firenze: http://www.youreporter.it/video_LEO_ZAGAMI_E_LA_STRATEGIA_DELLA_TENSIONE

Ma dopo averli inquadrati,  e aver capito in pochissimo tempo la loro disonestà intellettuale e il loro vero obbiettivo (vendere qualche libro e nulla di più), li ho immediatamente allontanati dai miei giri e  mandati a quel paese, almeno Magaldi, perché Carpeoro non si presento mai ai nostri incontri,  quindi non ho avuto il piacere di parlargli se non virtualmente tramite FB.

A questo punto  il nuovo duo della Massoneria progressista italiana, ha cercato alleanze altrove, con i peggiori personaggi della cosiddetta controinformazione italiana, tra cui diversi miei ex collaboratori che avevo già scaricato da tempo perché incapaci o disonesti. Una realtà davvero deludente  quella della cosiddetta informazione alternativa in Italiana, fatta troppo spesso di disinformatori al soldo del peggior mondialismo pseudo sinistroide. Figure ambigue, che invece di abbracciare un ideale di vera libertà per combattere il Nuovo Ordine Mondiale, accarezzano le più disparate teorie della cospirazione solo per vendere qualche libro, o farsi belli (o belle…) in TV. Si quella TV italiana becera e di parte che oggi non vuole più darmi spazio perché hanno ricevuto ordini dall’alto di non fare più andare in onda dopo che ho criticato apertamente durante La Vita Indiretta (in onda su RAI UNO) l’ex presidente Giorgio Napolitano.

Con me,  i “signori dell’informazione italica” hanno ormai capito che cascano male, visto che non sono corruttibile, sono legato a Trump, e lavoro con Infowars che fa vera informazione, non le loro fake news e chiacchere da Bar al servizio del regime. Così da tre anni a questa parte puntano su altri personaggi, come Carpeoro, ex Sovrano Gran Commendatore del Rito Scozzese Antico e Accettato di una delle tante discendenze spurie e irregolari di Piazze del Gesù, autore di quello che è stato definito dai veri Massoni un libercolo dal titolo “Dalla Massoneria al Terrorismo”. O Magaldi con le sue fantomatiche UR lodge, e anche non Massoni, come Paolo Franceschetti che vanno appresso alle Rose Rosse senza mai portarci uno straccio di prova. E così tanti altri, che poi amano ritrovarsi regolarmente tutti insieme in pseudo conferenze in giro per l’Italia,  per vendere qualche libro. Eventi dove il collante segreto, comune a tutti, è quello della paura di Leo Zagami, personaggio ritenuto da questi pseudo intellettuali, un pazzo, una figura borderline. Si una paura viscerale verso la mia persona, che spero mantengano fino alla fine dei loro giorni, perché di sicuro passeranno alla storia come dei vigliacchi mercenari, pronti a distruggere sia la controinformazione, sia  la Vera Massoneria, che non è di sicuro quella dei progressisti e dei sinistrorsi. Ma quella dei veri grandi della destra italiana, come il mio mentore il principe Giovanni Alliata di Montereale o il Conte Licio Gelli, il cui attuale rappresentante, il Generale e Gran Maestro Constantin Savoiu, non sta purtroppo facendo abbastanza per fermare questa deriva a sinistra della Massoneria  che ripeto non potrà mai essere ne ora ne mai serva delle sinistre e dei loro bolscevichi.

Chiedo ora aiuto a voi Liberi Muratori italiani che avete ancora gli attributi, che non vi siete venduti per la tranquillità di un tozzo di pane al mondialismo cieco delle sinistre e dei radical chic, e vi dico ribellatevi finché siete in tempo, chiedete ora le dimissioni dei vostri Gran Maestri, ricominciate a combattere per la sovranità della nostra nazione, o passerete anche voi alla storia come dei cialtroni che hanno aiutato a distruggere l’Italia, oltre che i valori della Tradizione e dell’Arte Reale.

ATTENZIONE UPDATE-Ecco i commenti di Gianfranco Carpeoro apparsi sui social network poco dopo la pubblicazione di questo articolo, per aiutarvi a giudicare meglio il soggetto in questione e la sua ideologia Anti Massonica  e Sinistroide che continua a diffamarmi parlando di “equilibrio mentale”. Poi date anche un occhiata alle persone taggate nel post a conferma di quello che vi ho scritto:

carpeoro

carpeoro2

 

Eppure anche sul profilo di Giovanni Francesco Carpeoro c’è chi gli fa notare che con me ci ha parlato eccome su Facebook. Ma lui continua a negare e minaccia l’utente scrivendo “se no la butto fuori”:

 

20821502_10214325031906162_1389791671_o

20821156_10214325033546203_1529947774_o

 

Che dire, se ci fosse più coerenza tra i fatti e le parole, ci sarebbe più chiarezza e meno illusioni, come diceva il Fratello Mahatma Gandhi credere in qualcosa e non viverla, è disonestà.

 

Ad maiora

Leo Lyon Zagami

Sovrano Gran Maestro della Stretta Osservanza Templare

(http://leozagami.com/2016/03/06/153/)

e presidente dell’Ordo Illuminatorum Universalis

(http://leozagami.com/2016/03/23/ordo-illuminatorum-universalis/)

Membro della Confederazione ”Concilium Maximum”

12246953_1528834667438324_2799753419882072109_n

 

 

ATTENZIONE POTETE ANCORA ACQUISTARE I LIBRI DI LEO LYON ZAGAMI PRESSO:

http://www.harmakisedizioni.org/

OPPURE: https://www.macrolibrarsi.it/autori/_leo-zagami.php

 

002_concept_black_3D_checkered_carpeting