QUANDO PUNIREMO GLI AUTORI DEL GOLPE ITALIANO?

Vediamo in queste ore come i responsabili del tentato golpe turco siano puniti senza pietà da Recep Tayyip Erdoğan, frustati a cinghiate o uccisi come è giusto che sia per questi traditori che hanno  puntato le loro armi contro la popolazione inerme. Generali, magistrati e colonnelli finiranno al muro o in prigione in Turchia.

E in Italia invece? Qui dove abbiamo avuto tre golpe da quando hanno buttato fuori Berlusconi non è successo nulla.Pensate, se Silvio avesse avuto un più coraggio, e un paio di palle,  da usare magari non solo per le sue prostitute, cosa sarebbe potuto accadere nel 2011 dopo il primo golpe e l’insediamento di Mario Monti del Club Bilderberg. Allora ci fu un colpo di Stato orchestrato da alcuni funzionari Ue per far cadere il governo Berlusconi. A descriverlo in passato è stato anche Stress Test, il libro dell’ex ministro statunitense del Tesoro, Tim Geithner. Ma l’ex cavaliere è stato un codardo allora come lo è oggi più interessato a salvare le sue TV e i suoi interessi economici di famiglia che l’Italia, ecco perché Silvio è ormai politicamente finito, un fantasma che da morto sarà ricordato solo come un opportunista non un grande uomo o uno statista come i suoi amici Erdogan o Putin.

Di sicuro Berlusconi non ha fatto quello che avrebbero fatto i suoi amici ovvero riprendersi  la sovranità nazionale anche con la forza e l’appoggio dei militari e degli apparati di sicurezza. Magari  facendo  arrestare i responsabili italiani dei tre golpe, i traditori  che hanno insediato prima Mario Monti poi Enrico Letta e infine il cialtrone di Firenze Matteo Renzi: il peggiore di tutti, colui che sta finendo di uccidere la democrazia italiana. Questi golpe sono stati imposti dal Club Bilderberg, guidati dalla UE,  e in Italia appoggiati dal Vaticano e coordinati dall’allora presidente Giorgio Napolitano, è lui il principale responsabile che magari andrebbe arrestato e fucilato come farà si spera Erdogan a breve con Fethullah Gulen.

Invece da noi in Italia il golpista Napolitano è ancora a piede libero e costantemente glorificato dai suoi radical chic e da una sinistra che sta rovinando il futuro dei nostri figli con l’appoggio dei burattini a 5 Stelle che regalano questa nostra patria – sempre più allo sbando – allo straniero. Si perché siamo dominati dalla Germania che ci impone a sua volta di accettare e aiutare i rifugiati dalle guerre create dal loro Nuovo Ordine Mondiale. In questo scenario godono solo i nostri banchieri al soldo del cartello bancario internazionale guidato da JP Morgan, che specula sui nostri cittadini, e i nostri venditori di armi che fanno ovviamente i soldi grazie a queste guerre.

In Italia il DNA codardo e sinistrorso che dal dopoguerra a oggi si è insediato con la forza nella popolazione tramite un costante lavaggio del cervello voluto dai media sta rovinando la nostra nazione e non prevede gesti di rivalsa per la ripresa della nostra sovranità. Ma chi lo sa se un giorno qualcosa non possa accadere anche qui da noi in Italia,  e qualcuno forse di ricorderà di punire gli autori dei tre golpe che si sono succeduti dal 2011. Vi immaginate i cittadini italiani prendere Renzi, la Bodrini e perfino Mattarella lo zombie siculo, per  trascinarli poi per strada e magari farli fucilare dopo averli frustati a dovere. Lo so molti rideranno,  ma coloro che ridono adesso sono gli stessi che un giorno piangeranno lacrime di sangue al passaggio di una nuova Italia fiera e sovrana, quella che è ora castrata dai nostri politici, esseri senza anima condannati al fuoco eterno. 

I have a dream: Italy will be free.

 

Firmato Leo Lyon Zagami

 

re-giorgio-napolitano

Re Giorgio

 

13718639_10154369491138069_7050643329267613747_n

Golpisti turchi presi a cinghiate dalla polizia turca.

 

2 thoughts on “QUANDO PUNIREMO GLI AUTORI DEL GOLPE ITALIANO?

    1. Si ho notato lo hanno fatto dicendo che ho violato le loro regole dicendo che l’ISIS è un manipolo di gay islamici repressi.
      Solita censura del sistema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *