IN GUERRA CON L’ISLAM E CHI DICE IL CONTRARIO MENTE

Solidarietà e Fraternità verso la città di Nizza e i suoi i Fratelli che mi hanno recentemente accolto nel loro Oriente in nome della Massoneria Cristiana unica soluzione per fermare questa scempio dovuto all’islamizzazione del territorio incoraggiato e promosso purtroppo dai governi di questa Europa criminale e e cialtrona fatta di burocrati che di sicuro non sapranno mai proteggere i propri cittadini, e supportata da Massoni che non vogliono ammettere il problema perché preferiscono far arricchire le proprie banche e le proprie tasche. Sono questi i figli della peggior Massoneria liberale e prevalentemente atea che nulla può contro queste bestie islamiche,  se non vane congetture retoriche di pura convenienza, quelle che piacciono ai nostri governanti a cui garba una “Massoneria regolare e castrata” senza scopi reali nel presente; solo vana gloria legata a un supposto passato, così che loro, i veri potenti,  possono fare i loro porci comodi nei vari Club Bilderberg,  Aspen Institute, ecc,.

Basta parlare di “Islam moderato”, parliamo invece di Islam omertoso e corrotto come la nostra mafia che collabora attivamente con gli sciacalli del Nuovo Ordine Mondiale. Tutto quello che è stato creato dai nostri predecessori viene ora distrutto in Europa da menti opache e vigliacche, esseri insulsi che non ci saprebbero difendere neanche da un topolino, figure come Angela Merkel che ci dice con la classica retorica europeista che dopo la tragedia di Nizza sconfiggeremo il terrorismo. Ma mi faccia il pacere “culona inchiavabile” siete voi stessi che foraggiate il terrorismo insieme a certi americani come Obama, che potremmo definire oltre che filo-islamista,  il fondatore occulto dell’ISIS, mostruosità usata non solo per il chaos mediorientale ma anche per creare in tutto l’Occidente la militarizzazione permanente del territorio insomma il famoso Stato Polizia di cui parlo da anni.  E poi c’è il gesuita Papa Francesco, che purtroppo incoraggia l’invasione islamica ogni giorno arrivando a vincere quest’anno il premio Carlo Magno che nel 1950 fu consegnato al famigerato conte Kalergi uno dei fautori di questo schifo, e anche lui Massone deviato.

A Nizza nella sede della Gran Loggia Nazionale di Francia, tra Massoni Cristiani e perbene ci siamo confrontati sul fatto che il lato borghese di questa società è la vera rovina del mondo contemporaneo. Sono i borghesi che dalla rivoluzione industriale in poi fanno gli schiavi volenterosi, sciocchi e ipocriti dell’élite aristocratica e mondialista che si muove dietro le quinte manipolandoli per i propri scopi, e sono sempre loro, i borghesi,  che incoraggiano questo mix diabolico tra valori di sinistra e Islam che regala sempre più potere e territorio agli islamici. A questo proposito ho notato arrivando a Nizza un mese e mezzo fa (Maggio 2016),  un qualcosa che mi ha fatto pensare molto nei giorni successivi. Un arabo di fronte al suo negozio di kebab in pieno giorno non voleva muovere la sua Mercedes da un vicolo,  non  permettendoci così il passaggio, né a noi,  né ad altri. Pensava di essersi comprato la strada. L’arabo si comportava con fare disinvolto, e  lo faceva ben sapendo che il tipico francese,  radical chic o sinistrorso, come qui da noi,  non gli avrebbe detto niente  e avrebbe fatto magari marcia indietro impaurito. Quando mi vede poi adirato entra nel suo kebab chiama gli amici suoi come ha dimostrare che li comandavano loro. Ei vi ricordo che siamo a Nizza, in Europa fino a prova contraria,  non a Raqqa o a Mosul ma questo per i musulmani non importa. Poi quando a visto che siamo scesi dalla macchina e non ero da solo ma con altri tre persone a bordo (e anche molto grosse ben piazzate), che sembravano tra l’altro uscite con i loro completi neri pronti per una tornata massonica da un film dei “Men in black”,  l’arabo ha improvvisamente sbuffato e cambiato idea, anche perché non arretravamo, anzi io gli avrei smontato volentieri  il kebab con miei uomini e vi assicuro ero pronto a farlo.  E allora italiani ed europei, bimbomikia figli dell’Erasmus,  tirate fuori le palle che sono in voi è dichiarate guerra a questi vermi islamici e ai loro ghetti senza legge che si stanno espandendo anche in Italia oltre che nel resto d’Europa,  e solo allora quando ci temeranno avranno rispetto per noi e la nostra cultura.  E a voi “Massoni” o pseudo tali che predicate giustamente l’Uguaglianza e la Fraternità  RICORDATEVI  però del sangue che abbiamo dovuto versare per arrivare a questi valori e non facciamoli distruggere da quattro beduini.

RIPRENDIAMOCI IL NOSTRO TERRITORIO QUESTO NON E’ IL MEDIO ORIENTE!

Siamo in guerra per colpe non nostre ma dei nostri governanti,  burattini senza anima del Nuovo Ordine Mondiale fatto di venditori di armi e case farmaceutiche, criminali come Matteo Renzi o la Boldrini, politici marionette che promuovono l’emigrazione selvaggia e un integrazione all’acqua di rose, dove il rifugiato può tutto,  e noi niente.  Ricordo ancora le ultime parole del Gran Priore di Nizza durante l’agape: “Gli islamici sono in troppi  in Francia , più di un milione ormai si va verso la guerra civile”. Intanto la storica sede attuale della Gran Loggia Nazionale di Francia  al 17 di Rue Sainte Claire in pochi mesi verrà trasformata in un albergo ristorante venduto ai pakistani….che tristezza…questa è l’Europa di oggi,  ringraziate per questo anche le Massonerie compiacenti,  e quelle che attivamente promuovono questa situazione, NOI DELLA MASSONERIA CRISTIANA della Stretta Osservanza Templare,  così come i nostri alleati della Gran Loggia Nazionale Romena 1880 sappiamo bene chi è il nostro nemico, voi invece continuate pure a negare l’evidenza e  magari mettete su l’ennesimo inutile dialogo interreligioso che nel frattempo l’invasione continua e così facendo distruggete il futuro dei nostri figli.

 

Firmato Leo Lyon Zagami

Sovrano Gran Maestro

Stretta Osservanza Templare (Italia).

 

 

13295349_992761737497949_27838858_n

A Nizza nella sede del Rito (GLNF) Maggio 2016.

 

13335377_992762150831241_1495114452_n

A Nizza sede della GLNF Maggio 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *